Seguici su:
Salus Blog - Beta-hCG gravidanza
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Beta-hCG gravidanza: che cos’è, quali sono i valori e come rilevarli

Il valore Beta-hCG consente di confermare l’avvenuto concepimento e di determinare lo stato di avanzamento della gravidanza.

Conoscere i valori di riferimento da considerare e i metodi con cui essi sono rilevabili, permette alla futura mamma di fare chiarezza sulle proprie condizioni di gestazione e seguirne passo dopo passo l’avanzamento.

Che cos’è il Beta-hCG

Il termine Beta-hCG deriva dall’inglese “human Chorionic Gonadotropin”, in italiano gonatripina corionica umana.

Si tratta di una glicoproteina che può essere rilevata tramite analisi del sangue o delle urine, entro una settimana dalla data di concepimento.

Anche conosciuta come “l’ormone della gravidanza”, la glicoproteina permette di evidenziare e confermare l’avvenuto concepimento e di informare sullo stato di gestazione per tutta la sua durata.

L’ormone viene prodotto subito dopo l’annidamento dalle cellule pre-embrionali del trofoblasto, cioè il tessuto che darà origine alla placenta. Una volta formata, verrà prodotto da quest’ultima.

La glicoproteina è fondamentale per la creazione e il mantenimento dell’ambiente uterino in condizioni ottimali, che permetterà lo sviluppo dell’embrione in salute.

Funzioni del Beta-hCG

La principale funzione del Beta-hCG è quella di mantenimento dell’attività del corpo luteo.

Infatti, la glicoproteina sollecita il corpo luteo alla segregazione del progesterone, l’ormone che agisce sulla mucosa uterina, creando l’ambiente favorevole all’impianto della cellula uovo fecondata e allo sviluppo dell’embrione.

Salus Blog - Beta-hCG gravidanza

Valori di riferimento da considerare

I valori dell’ormone Beta-hCG permettono di indicare alla futura mamma l’avvenuto concepimento e lo stato di avanzamento della gravidanza.

Essi possono essere rilevati già a partire dai 7-10 giorni dopo l’impianto dell’ovulo fecondato nell’utero, attraverso un prelievo del sangue o esami su campione di urine.

I valori dell’ormone non sono sempre stabili, ma subiscono una variazione durante la fase di avanzamento della gravidanza.

Per le prime tre settimane che seguono il concepimento essi aumentano, mentre in seguito tendono a stabilizzarsi o a diminuire.

Sebbene essi siano soggettivi e possano cambiare da donna a donna e in base al numero degli embrioni, possono essere considerati dei valori standard di riferimento per valutare l’andamento della gravidanza.

  • Donna non incinta: 0-5 mlU/ml;
  • 3-4 settimana di gravidanza: 9-130 mlU/ml;
  • 4-5 settimana di gravidanza: 75-2600 mlU/ml;
  • 5-6 Settimana di gravidanza: 850-20.800 mlU/ml;
  • 6-7 settimana di gravidanza: 4.000-100.200 mlU/ml;
  • 7-12 settimana di gravidanza: 11.500-289.000 mlU/ml;
  • 12-16 settimana di gravidanza: 18.300-137.000 mlU/ml;
  • 16-29 settimane di gravidanza: 1.400-53.0000 mlU/ml;
  • 29-41 settimane di gravidanza: 940-60.000 mlU/ml.

Come si può osservare, un valore superiore a 5 mlU/ml potrebbe essere sintomo di una gravidanza.

Tuttavia, fino a 25 mlU/ml tali valori potrebbero essere borderline, perciò potrebbe essere opportuno ripetere il test di gravidanza circa 72 ore dopo.

È importante considerare, però, di valutare i risultati delle analisi o del test insieme al proprio medico curante e di richiedere il consulto da parte di un ginecologo, per ulteriori esami approfonditi.

Salus Blog - Beta-hCG gravidanza

Come misurare il Beta-hCG

I valori ormonali del Beta-hCG possono essere rilevati in diversi modi.

A partire dal primo giorno di ritardo, ovvero dal 14° giorno dopo il presunto concepimento, può essere effettuato il test di gravidanza acquistabile presso una farmacia o un supermercato. Quest’ultimo può essere utilizzato a casa, senza la necessità di recarsi presso strutture sanitarie.

Si tratta di un test eseguito mediante uno stick dotato di tampone monouso alla sua estremità. Sarà necessario bagnare il tampone con l’urina per pochi secondi e poi attendere circa 2-3 minuti per la comparsa dei risultati.

Esso reagirà alla presenza o all’assenza dell’ormone e mostrerà l’esito su un mini display collocato sulla parte superiore.

Affinché i risultati siano affidabili, la concentrazione dell’ormone nelle urine deve essere rilevante. Per questo è consigliabile eseguire il test con la prima minzione mattutina o, in ogni caso, senza aver bevuto molti liquidi.

Dopo aver eseguito il test rapido e sentito il parere del proprio ginecologo, sarà necessario effettuare il prelievo del sangue per confermare i valori ormonali e, quindi, l’effettiva gravidanza.

L’analisi del sangue attribuisce risultati affidabili che possono essere determinati già a partire dal 7-10° dopo il concepimento.

Un ulteriore metodo di misurazione della glicoproteina può essere l’analisi di un campione delle urine da parte di centri sanitari diagnostici.

| Sponsorizzato

Il tuo periodo fertile

Valori Beta-hCG elevati e gravidanza gemellare

Sebbene i valori del Beta-hCG possano variare da donna a donna e in base alle condizioni della gravidanza, un loro incremento potrebbe essere l’indicatore di una gravidanza gemellare.

Infatti, sulla base dei valori di riferimento riportati in precedenza, si potrebbe osservare un livello ormonale superiore alla media relativo alle differenti settimane di gestazione.

Questi valori possono essere osservati dal medico, il quale potrà avanzare l’ipotesi di gravidanza gemellare, tuttavia la conferma potrà essere garantita solo attraverso la prima ecografia, intorno alla 7° e alla 10° settimana di gestazione.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email