Seguici su:
Salus Blog - Febbre senza sintomi bambini
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Febbre senza sintomi nei bambini: c’è da preoccuparsi?

L’innalzamento della temperatura corporea è in grado di spaventare i genitori, specialmente in presenza della comparsa della febbre senza sintomi. In questo caso si cerca in tutti i modi di stare attenti per poter stilare in tempi brevi la diagnosi corretta.

Quando la fronte del bambino scotta è difficile pensare in modo razionale e non è semplice prendere decisioni, a causa della preoccupazione. Il bambino non è in grado di esprimersi, specialmente se molto piccolo e quindi risulta difficile avere un quadro generico della situazione.

Conoscere e imparare quali sono le principali cause della febbre può essere utile per prendere il controllo della situazione in modo lucido e in serenità.

Febbre senza sintomi: cause

La temperatura corporea normale di un bambino è quella compresa tra i 36.5 e i 37,5 ° C. Al di sopra dei 37, 5° il bambino presenta la febbre e questo indica che il corpo ha rilevato un’infezione o la presenza di altre malattie. La temperatura aumenta per generare calore che serve a potenziare il sistema immunitario contro gli agenti patogeni esterni come virus e batteri.

 I bambini devono ancora sviluppare le difese immunitarie, creare gli anticorpi necessari e quindi è piuttosto frequente che si alzi la temperatura dai 37,5 °C ai 38.5° e per fare questo il corpo deve bruciare grandi quantità di zuccheri perché i processi corporei legati alla risposta immunitaria accelerano e in molti casi causano l’acetone.

I principali motivi della febbre senza sintomi sono:

|Sponsorizzato
Salus Blog - Febbre senza sintomi bambini
  • Sbalzi di temperatura: probabilmente, con l’arrivo della stagione invernale che è caratterizzata da temperature rigide, è più probabile rispetto ad altri periodi dell’anno l’insorgere della febbre. Specialmente gli sbalzi di temperatura tra il caldo e il freddo possono aumentare la temperatura corporea dei bambini.
  • Disidratazione: quando il corpo non assume abbastanza liquidi e si perdono troppi sali minerali si verifica la disidratazione. Assumere più liquidi sia tramite bevande che nell’alimentazione è fondamentale per evitare questa condizione corporea molto pericolosa per il nostro organismo. È importante bere tanta acqua e mantenere il corpo idratato, specialmente in caso di febbre.
  • Insolazione: l’esposizione al sole nelle ore più calde che vanno dalle dieci del mattino alle quattro del pomeriggio può risultare pericolosa, specialmente nei bambini più piccoli. Infatti è necessario riparare bene dal sole i neonati ed evitare di farli uscire negli orari e nei periodi più afosi e umidi.

Febbre senza sintomi: quando preoccuparsi

La febbre non è una malattia, bensì un sintomo che tende a guarire entro 3-4 giorni al massimo. Nella maggior parte dei casi non c’è nulla di cui preoccuparsi. Non sempre è necessario che il pediatra visiti il bambino, si possono attendere anche 72 ore prima di chiamare il medico, anche se questo dipende dagli altri sintomi presenti e dall’età del bambino.

In alcuni casi la febbre senza sintomi arriva improvvisamente, per poi scomparire e ricomparire nuovamente nel giro di poco tempo. Anche se istintivamente sorge l’idea di correre in uno studio medico o al pronto soccorso, potrebbe non essere necessario, soprattutto se il bambino non presenta altri sintomi gravi.

Solo nel caso in cui la febbre non scompare o ritorna in modo intermittente, probabilmente è sintomo di patologie o infezioni più gravi ed è bene rivolgersi al pediatra per fare ulteriori analisi e visite specifiche.

Salus Blog - Febbre senza sintomi bambini

Quali sono i sintomi più comuni della febbre?

Non sempre la febbre può essere rilevata toccando la fronte del bambino, generalmente è necessario misurare anche la sua temperatura con l’uso di un termometro. Sebbene sul mercato siano presenti numerosi termometri che misurano la temperatura in aree diverse, il più consigliato è il termometro elettronico. Meglio evitare di provare la febbre in modi invasivi perché la pelle del neonato è delicatissima.

Una volta individuata la febbre, la cosa più importante che si può fare è migliorare il comfort del bambino e assicurarsi che riceva abbastanza liquidi, in modo da non disidratarsi.

I sintomi più comuni che accompagnano la febbre possono essere, sudorazione eccessiva, stanchezza, irritabilità, disidratazione, brividi di freddo, mal di testa e dolori muscolari.

Sovente avviene l’ingrossamento delle ghiandole linfatiche e dei linfonodi e dura più di 3-4 settimane dopo la scomparsa della febbre.

Come curare la febbre del bambino

Quando il bimbo presenta la febbre è necessario tenerlo in un ambiente confortevole e bisogna prestare attenzione a tenerlo a riposo, non necessariamente nel letto.

Proporre alimenti leggeri e ricchi di nutrienti senza sforzare troppo il bimbo a mangiare se non se la sente è un ulteriore accorgimento importante.

È importante ricordarsi di non coprire con coperte troppo pesanti il bambino e preferire gli indumenti in cotone per permettere alla pelle di traspirare di più e favorire la dispersione del calore corporeo.

Se il neonato ha meno di sei mesi, è meglio consultare il pediatra.

Nel caso in cui il bimbo fosse spaventato, è bene restargli vicino il più possibile ed assisterlo affettuosamente in modo tale da rassicurarlo.

Dare a un bambino paracetamolo o ibuprofene di solito riduce i dolori causati dalla febbre e abbassa la temperatura. È importante assicurarsi di somministrare la giusta dose. Se il bimbo ha meno di due anni, si deve contattare il pediatra o il farmacista per esser sicuri di non sbagliare. Per i bambini più grandi, seguire la dose raccomandata nel foglietto illustrativo.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email