Seguici su:
Salus Blog - lo zucchero fa male ai bambini
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Lo zucchero fa male ai bambini? Ecco come ridurlo

Mangiare un buon gelato, del cioccolato o qualche merendina può essere una vera goduria per i bambini, soprattutto per quelli più golosi. Nonostante questi cibi possano renderli felici, è opportuno fare attenzione a non eccedere e somministrarli con molta parsimonia.

Diversi studi hanno, infatti, dimostrato che lo zucchero fa male ai bambini, come del resto anche agli adulti, e per questo dovrebbe essere limitata l’assunzione di alimenti zuccherati sin dalla tenera età.

I bimbi più golosi non hanno nulla da temere: esistono molte valide alternative per gustare delle merende dolci, senza consumare zuccheri in eccesso.

Lo zucchero fa male: ecco perché

Indipendentemente dalla salute del bambino e dalle proprie condizioni fisiche, è possibile confermare che lo zucchero fa male e comporta diversi scompensi, come carie, ma anche malattie epatiche, disfunzioni metaboliche, obesità, apnee notturne e diabete.

Inoltre, assumere abitualmente alimenti ricchi di zuccheri aggiunti può creare una vera e propria dipendenza nel bambino che può nuocere non soltanto alla sua salute fisica, ma può anche provocare dei repentini sbalzi di umore, causati da una richiesta continua di zuccheri da parte dell’organismo.

La carie

Una delle maggiori manifestazioni causate dall’assunzione elevata di zuccheri è la comparsa di carie nei bambini, talvolta anche sotto i 6 anni di vita.

Si tratta di una vera e propria malattia che colpisce i denti, danneggiandoli e creando una lesione nel tessuto che può avanzare in stadi sempre più profondi.

Questa patologia è ampliamente diffusa a livello mondiale, con maggiore incidenza in Europa e in Italia.

I responsabili delle carie nei bambini sono soprattutto alimenti con zuccheri aggiunti, come succhi di frutta, tè, merendine e caramelle.

Malattie croniche sistemiche

Non sono pochi i casi in cui l’eccessiva assunzione di alimenti dolci può causare malattie croniche gravi nel bambino.

Una di queste è definita come Steanosi Epatica Non-Alcolica e consiste in una malattia del metabolismo lipidico caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso nelle cellule epatiche.

La condizione di iperglicemia persistente, invece, può provocare il Diabete Mellito di Tipo 2, che deriva da una stimolazione del pancreas a produrre quantità elevate di insulina.

Anche l’obesità è una patologia sempre più diffusa nei bambini e si rileva come principale causa scatenante l’assunzione abituale ed elevata di alimenti molto zuccherati. Questa patologia produce una serie di gravi condizioni a tutto l’organismo e può provocare, inoltre, la sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno, in quanto altera le vie aeree e la capacità respiratoria del bambino.

|Sponsorizzato
Salus Blog - lo zucchero fa male ai bambini

Quanto zucchero deve assumere un bambino?

Le linee guida in merito alla dieta dei bambini e all’assunzione di zuccheri sono ben definite, per favorire la riduzione di malattie croniche diffuse che si ripercuotono anche sull’individuo in età adulta.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della sanità (OMS) è bene evitare di somministrare alimenti con zuccheri aggiunti ai bambini al di sotto dei 2 anni e limitarli entro il 10% del fabbisogno calorico giornaliero nei bambini di età compresa tra i 2 e i 9 anni.

Su questo tema si pronuncia anche l’Associazione Americana di Cardiologia (AHA) che pone ulteriori limitazioni. Secondo quest’ultima, infatti, l’ideale sarebbe assumere un massimo di 25 g di zuccheri negli individui dai 2 ai 18 anni.

Ridurre lo zucchero nella dieta del bambino

Quando si afferma che lo zucchero fa male ai bambini, ci si riferisce ad alimenti in cui gli zuccheri non sono naturalmente presenti, ma vengono addizionati.

Tra questi si individuano le merendine, i succhi di frutta, le bevande gassate zuccherate, le marmellate, le creme spalmabili, le caramelle e molto altro.

Non si considerano alimenti dannosi per la salute del bambino, quelli in cui gli zuccheri sono presenti naturalmente, come ad esempio la frutta e la verdura. Questi ultimi sono l’ideale e andrebbero privilegiati per una dieta sana ed equilibrata.

Per i bambini che amano i dolci, limitare l’assunzione di zuccheri non deve essere una rinuncia. È sufficiente privilegiare alimenti naturalmente dolci e seguire una serie di consigli per un’alimentazione gustosa e golosa, ma sana.

Saper leggere le etichette

Talvolta alimenti confezionati apparentemente “innocui” e non dolci, possono nascondere degli zuccheri aggiunti. Di conseguenza, saper leggere le etichette degli ingredienti di un prodotto è fondamentale per fare una spesa consapevole che prediliga cibi sani.

È consigliabile, quindi, limitare prodotti la cui etichetta indichi la presenza di zucchero, zucchero di canna, maltodestrina, sciroppo di mais, sciroppo di glucosio, destrosio e altri.

Salus Blog - lo zucchero fa male ai bambini

Sostituire le bevande zuccherate

Un altro consiglio per ridurre gli zuccheri nella dieta del bambino è quello di eliminare le bevande industriali zuccherate.

A queste si possono prediligere estratti di frutta e verdura, più naturali e più sani, e frullati a base di frutta e latte o frutta e acqua.

Un’idea molto gustosa per favorire l’idratazione e il consumo di frutta è quella di preparare dell’acqua aromatizzata, riempiendo un barattolo o una caraffa con acqua e aggiungendo della frutta per alcune ore.

Assumere cibi non confezionati

Le merendine, le caramelle e, più in generale, gli alimenti dolci confezionati andrebbero evitati, in quanto generalmente contengono quantità di zuccheri molto elevate e fuori dagli standard raccomandati.

Per una merenda dolce gustosa si possono prediligere la frutta fresca e secca, accompagnate da uno yogurt e una bevanda non zuccherata.

In alcuni casi, ma senza esagerare, possono essere preparati dolci fatti in casa a cui limitare l’aggiunta di zuccheri.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email