Seguici su:
Salus-blog - ginnastica posturale
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Migliorare il benessere con la ginnastica posturale

Alla fine della giornata, può capitare che proviamo un senso di affaticamento e di malessere generale. La causa potrebbe essere da ricercare nelle posizioni scorrette mantenute durante le ore di lavoro. A volte, infatti, capita che le azioni ripetitive e meccaniche possano generare dei problemi.  In altri casi, è possibile che ciò sia provocato da pesi sollevati in modo scorretto o, viceversa, da eccessiva sedentarietà. In ogni caso, la ginnastica posturale potrebbe rappresentare una buona soluzione per alleviare i disturbi.

Perché si dovrebbe eseguire la ginnastica posturale?

Sono molti i motivi che possono peggiorare la nostra postura e, di conseguenza, il nostro umore.

Stare seduti a lungo in una scrivania, guidare tante ore di seguito, stare in piedi tutto il giorno, sono tutte situazioni che sembrano di basso impatto fisico e che, invece, possono danneggiare la nostra postura.

Le attività della vita quotidiana, anche più semplici, se vengono ripetute molto di frequente o se svolte in modo scorretto, possono portare posture scorrette, dannose per l’equilibrio muscolo-scheletrico, ma anche per il benessere generale. Si possono, infatti, generare problemi alla colonna vertebrale e ad altre articolazioni.

Per risolvere questi problemi, si possono eseguire degli esercizi di ginnastica posturale, che sono in grado di correggere la postura evitando così dolori temporanei o addirittura cronici.

Salus-blog - ginnastica posturale

Che cos’è la ginnastica posturale?

Il termine ginnastica posturale ha vari significati, generalmente si riferisce a tecniche ed esercizi finalizzati alla consapevolezza e al miglioramento delle posizioni assunte dal corpo, sia in posizioni statiche, sia in posizioni dinamiche.

È un insieme di esercizi che cercano di ristabilire l’equilibrio muscolare, sia in fase terapeutica, ovvero quando il problema è già insorto, che di prevenzione. Questi esercizi insegnano a controllare alcune parti del nostro corpo e riescono ad agire anche su quelle parti che sono doloranti o rigide. Fondamentale è l’utilizzo corretto della respirazione, indispensabile per il benessere dell’organismo.

Le finalità terapeutiche della ginnastica posturale vanno dai problemi di patologie adolescenziali come scoliosi, a quelle legate ai problemi articolari tipo anche, caviglie, spalle e ginocchia, che sono i più comuni.

Generalmente è un allenamento aerobico molto simile al pilates e allo yoga e gli esercizi sono volti a migliorare i muscoli che sostengono il corpo e a mantenere una postura corretta. Gli esercizi hanno lo scopo di correggere e insegnare al corpo le posture da assumere.

A chi è adatta la ginnastica posturale?

Questo tipo di ginnastica è adatto a tutti, dai bambini fino agli anziani. Nei bambini è possibile correggere la postura quando si presentano paramorfismi (posizioni posturali scorrette) e dismorfismi (posizioni posturali patologiche). Negli anziani serve principalmente a correggere la schiena ricurva e la tendenza a camminare con le ginocchia piegate.

Anche per i lavoratori sedentari o, al contrario, per i lavoratori che devono sollevare ripetutamente pesi, gli esercizi di ginnastica posturale possono essere una soluzione per attenuare i problemi o, addirittura, per eliminarli del tutto.

Questa ginnastica è molto utile anche per chi ha avuto un trauma che ha creato squilibrio. In molti casi, è opportuno rivolgersi a un fisioterapista.

La ginnastica posturale è una disciplina che sta alla base di qualsiasi attività sportiva per migliorare la postura attraverso agli esercizi di rinforzo muscolare.

|Sponsorizzato
Salus-blog - ginnastica posturale

Esercizi di ginnastica posturale: quali sono i migliori?

Esistono numerose scuole di pensiero e numerosi tipi di esercizi: la ginnastica posturale, infatti, si ispira ad altre discipline come yoga, pilates e arti marziali. L’uso della respirazione, per esempio, ha origine da altre discipline orientali come il tai-chi. Molti esercizi si sono sviluppati nel tempo e possono essere eseguiti anche attraverso macchine e attrezzature presenti nelle palestre.

Gli specialisti che possono indicare gli esercizi migliori sono il posturologo, il fisiatra, il fisioterapista, il massofisioterapista, il chinesiologo, il chiropratico e alcuni esperti di altre discipline olistiche.

Altri esercizi di postura possono essere eseguiti nei normali allenamenti o per scopo preventivo, specialmente per chi vuole rafforzare la schiena e vuole mantenere le spalle dritte prevenendo la flessione. Rafforzare il petto, infatti, fornisce alla parte superiore della schiena il supporto necessario per tenere il torace aperto.

I 3 esercizi migliori di ginnastica posturale preventiva

Eseguire alcuni esercizi è molto utile a scopo preventivo per migliorare l’elasticità dei muscoli e per migliorare la mobilità delle articolazioni. Questi 3 esercizi si possono tranquillamente svolgere a casa e sono ottimi per prevenire dolori e fastidi futuri.

  1. High five: in posizione eretta alzare le spalle verso le orecchie e poi rilassarle. Con le gambe leggermente aperte, aprire leggermente le braccia, con i palmi rivolti all’indietro. Spingere all’indietro con le mani, mantenendo le spalle ferme. Eseguire le ripetizioni per 10 volte con una pausa in mezzo ed eseguire set da 3.
  1. Goalpost squeeze: eseguire questo esercizio da seduti. Aprire le braccia lateralmente tenendole piegate all’altezza del gomito e con le mani aperte all’altezza della testa.
    Spingere i gomiti all’indietro per aprire il torace e allungare i muscoli pettorali. Tenere la posizione per qualche secondo e ripetere per almeno 10 volte con brevi pause da 15 secondi tra una e l’altra esecuzione.
  1. Il mini cobra: mettersi su una superfice morbida come un tappetino, sdraiarsi a pancia in giù ed appoggiare le mani al pavimento, con la fronte adagiata a terra. Tenendo i gomiti piegati, portare la testa in avanti e in alto mentre si premono i palmi delle mani per sollevare le spalle e il petto da terra. Per far lavorare ancora meglio il petto comprimere le scapole. Ripetere l’esercizio per 10 volte.
Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email