Seguici su:
salus-blog-come-prevenire-influenza
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Lo stile di vita che previene l’influenza

Riuscire a prevenire l’influenza è un desiderio piuttosto comune. L’influenza, del resto, è un disturbo stagionale che colpisce ogni anno milioni di persone. Sebbene sia una patologia comunemente considerata benigna, può avere conseguenze anche gravi e complicanze di tipo respiratorio, soprattutto per le persone immunodepresse e per gli anziani.

Di conseguenza, è scegliere uno stile adeguato che aiuti a prevenirla può essere una buona idea per evitare complicanze e per proteggere chi ci sta vicino.

Che cos’è l’influenza

L’influenza è una patologia causata da un virus che colpisce prevalentemente le vie respiratorie. Sono parecchi i virus responsabili dell’influenza e ogni anno mutano, per questo non si può avere una immunità duratura, ma solo riferita all’influenza di quell’anno.

Sintomi e cure dell’influenza

La sensazione che si prova quando sta per arrivare l’influenza, è abbastanza inequivocabile. Brividi, dolori articolari e senso di spossatezza sono i primi sintomi che si provano e sono piuttosto comuni.

Poco dopo subentra la febbre, talvolta accompagnata da nausea e mal di testa. Questi sono infatti i sintomi più classici dell’influenza, ma possono associarsi ad altri disturbi che colpiscono:

  • Le vie respiratorie superiori e inferiori, con tosse, raffreddore, mal di gola, congestione nasale;

  • L’apparato gastro-intestinale, con dolori addominali, diarrea, vomito.

Si tratta di una patologia molto contagiosa, che ha una incubazione piuttosto rapida e una durata di circa 5-7 giorni. Se non vi sono complicanze, in genere viene trattata con

  • antipiretici, consigliati nel caso in cui febbre superi i 38,5°;

  • analgesici, per ridurre i dolori articolari che si associano all’influenza;

  • antinfiammatorie, prescritti dal medico nel caso in cui vi siano associati altri disturbi come mal di gola.

Gli antibiotici, a meno che vengano prescritti dal medico per qualche complicanza di tipo batterico, non sono utili, in quanto si tratta di una patologia virale su cui gli antibiotici non hanno effetto.

salus-blog-come-prevenire-influenza

Chi sono i soggetti più a rischio

Sebbene le persone colpite da influenza siano numerosissime, per molte di esse l’influenza non genera particolari problemi. Per altre, invece, può essere un molto rischiosa. I dati dell’Istituto Superiore della Sanità, infatti, rivelano che in Italia ogni anno l’influenza provoca un eccesso di mortalità, in particolare tra le persone sopra i sessantacinque anni.

In ogni caso i soggetti più a rischio sono persone con patologie pregresse, anziani, bambini e immunodepressi. Per queste persone è consigliato, tra i metodi preventivi, il vaccino stagionale.

Come prevenire l’influenza con lo stile di vita

Il vaccino è considerato dai medici il metodo più efficace per prevenire l’influenza ed è consigliato per i soggetti a rischio.

Tuttavia, la scelta di stili di vita che riducono la probabilità di contrarre in virus è una buona prassi sia per chi decida di vaccinarsi sia per chi non sia nelle condizioni di salute che lo richiedono.

Atteggiamenti e degli stili di vita corretti sono infatti una tutela per la collettività intera.

Fare attenzione all’igiene

Poiché l’influenza è particolarmente contagiosa e si trasmette attraverso le gocce di saliva e le secrezioni respiratorie, adottare le corrette misure igieniche riduce sensibilmente le possibilità di contagio.

  • Lavarsi le mani frequentemente e in modo accurato è senza dubbio la prima regola, che andrebbe attuata in qualunque situazione per evitare il proliferare di germi, virus e batteri.

  • Non toccare viso, in particolare bocca e naso, quando si è a contatto con altre persone e, quando si tossisce o starnutisce, coprire bocca e mano con un fazzoletto usa e getta o con l’interno del gomito.

  • Evitare la condivisione di stoviglie, piatti, bicchieri con persone che non fanno parte dello stesso nucleo familiare e non mangiare con le mani

salus-blog-come-prevenire-influenza

Avere cura degli ambienti in cui si vive

Anche l’ambiente può essere responsabile della diffusione di germi, virus e batteri, soprattutto se si tratta di luoghi chiusi e affollati.

Durante i mesi invernali il contagio è più frequente anche perché si tende a stare un maggior numero di ore al chiuso, spesso in spazi ravvicinati con altre persone.

  • Aerare di frequente l’ambiente in cui si vive o lavora, soprattutto se si è a contatto con altre persone e se sono accesi i caloriferi, riduce la possibilità del ristagno dell’aria e la proliferazione degli agenti patogeni.

  • Tenere sotto controllo la temperatura e l’umidità delle stanze, in particolare quelle in cui si dorme. L’eccessivo sbalzo di temperatura può, infatti, essere dannoso alla salute. Anche l’umidità ha la sua importanza: negli ambienti chiusi dovrebbe esserci un tasso di umidità tra il 40% e il 60%. Oggi si trovano sul mercato precisi strumenti di misurazione, come termometri e igrometri, che permettono di regolare temperatura e umidità interna.

  • Mantenere pulite e disinfettate tutte le superfici, soprattutto quelle di uso comune: in genere il virus dell’influenza sopravvive negli ambienti esterni all’uomo alcune ore, ma viene eliminato dalle alte temperature e dai disinfettanti.

Mantenere in salute il sistema immunitario

Il sistema immunitario è un complesso organo del corpo umano che permette di difendere l’organismo dagli attacchi dei patogeni.

Il suo equilibrio e il suo buon funzionamento possono essere influenzati dagli stili di vita, in particolare da una corretta alimentazione. Per prevenire l’influenza è dunque opportuno osservare alcune buone prassi.

  • Seguire una dieta corretta come la dieta mediterranea: questa rappresenta, infatti, un ottimo regime alimentare per aumentare la quantità di vitamine e sali minerali presenti nel corpo. Tutte le vitamine danno un ottimo apporto al sistema immunitario: frutta, verdura, cereali, olio di oliva sono gli alimenti che ne contengono la maggior quantità. Anche i minerali come lo zinco, presente nella frutta secca, e il selenio sono particolarmente importanti.

  • Fare attenzione a stress e a stanchezza eccessiva, che possono avere, invece, effetti negativi sull’efficienza del sistema immunitario. Di conseguenza, è sempre opportuno valutare i carichi di lavoro, non eccedere negli sforzi, soprattutto nei periodi in cui è più facile contrarre l’influenza. È importante anche il riposo: dormire il giusto numero di ore aiuta ad una vita più serena e rilassata.

  • Evitare fumo e alcol: eccesso di queste sostanze, nocive per l’organismo, può influire negativamente sulle difese organiche.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email