Seguici su:
salus-blog-sport-in-montagna-pressione-arteriosa-e-altitudine
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Sport in montagna: il rapporto fra pressione arteriosa e altitudine

Fare sport in montagna è senza dubbio una buona idea. Fuori dal traffico, dal caos e dallo smog, l’organismo trae notevoli benefici dalla natura e dall’aria pura.

Molte persone però si chiedono se per chi soffre di alcune patologie, come l’ipertensione, l’altitudine possa essere pericolosa e mettere a rischio la salute.

In realtà lo sport in montagna di per sé non è pericoloso, anche se è vero che chi è iperteso dovrebbe avere alcune accortezze, per evitare spiacevoli inconvenienti.

Che rapporto c’è tra pressione arteriosa e altitudine

La preoccupazione di molti, che temono che a una certa altitudine vi possano essere effetti negativi sulla pressione arteriosa, non è del tutto campata in aria, in quanto pressione arteriosa e altitudine sono legate.

Quando si sale oltre a una certa quota, infatti, si verificano condizioni che possono influire sulla pressione.

Se si è in buona salute, non vi è alcun rischio: anzi, ad alta quota si registra un progressivo abbassamento della pressione atmosferica e una riduzione della quantità di ossigeno nell’aria. L’organismo si adatta a queste condizioni e viene stimolata una maggiore produzione di globuli rossi: perché il sangue e tutti i tessuti vengano ossigenati a sufficienza, è necessario che il muscolo cardiaco pompi con maggiore forza. Ciò implica anche una maggiore frequenza del respiro.

Un corpo sano, dunque, reagisce positivamente allo stimolo e genera una sensazione di maggiore benessere: in montagna ci si sente più attivi e più in forma.

Tuttavia, chi ha patologie legate alla pressione arteriosa potrebbe subire degli svantaggi:

  • Oltre i 2500-3000 metri, l’aria è piuttosto rarefatta e poco ossigenata: il naturale innalzamento della pressione arteriosa, proprio in compensazione di questi fenomeni, potrebbe creare disturbi a chi già è iperteso.

  • Sopra una certa quota, le temperature tendono a diminuire progressivamente, soprattutto nelle ore del mattino e della sera. Nella stagione estiva l’escursione termica nelle diverse ore della giornata può essere molto importante. Quando il corpo si trova a combattere il freddo eccessivo, si ha un innalzamento della pressione arteriosa: anche in questo caso, se un fisico sano e in forma non subisce alcun danno, mentre chi soffre di ipertensione potrebbe, invece, essere a rischio.

salus-blog-sport-in-montagna-pressione-arteriosa-e-altitudine

Che cos’è il mal di montagna

Un altro effetto dell’altitudine è il mal di montagna: si tratta di un malessere generalizzato che può colpire i soggetti più sensibili quando salgono a quote superiori ai 2000 metri.

In genere, è più facile che ne soffrano gli anziani e i bambini: possono generarsi disturbi generalizzati come mal di testa e nausea, ma anche insonnia, irrequietezza, inappetenza.

Di solito questo disturbo, provocato proprio dalle diverse condizioni atmosferiche sopra una certa altitudine, compare nelle prime ore dall’arrivo in quota e svanisce man mano che il corpo si adatta alla nuova situazione. Il malessere è proprio dovuto a questa fase di adattamento e, in soggetti sani, di solito non provoca conseguenze che possano mettere a rischio la salute.

Come affrontare l’altitudine senza rischi per la salute

L’Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle Malattie Cardiovascolari ha predisposto un decalogo affinché anche chi soffre di ipertensione possa trascorrere le proprie vacanze in montagna in sicurezza e godendosi appieno la natura.

Si tratta di alcuni consigli di buonsenso che sono validi anche per chi non ha particolari problemi di salute e possono rendere la vacanza sportiva in montagna più gradevole.

  • Non superare un’altitudine di 2500-3000 metri: oltre tale quota, infatti, l’aria è più rarefatta e può dare maggiori disturbi come il mal di montagna e alzare i valori pressori.

  • Scegliere l’abbigliamento adeguato: questa è senza dubbio un consiglio valido universalmente, anche per chi è esperto e in buone condizioni di salute. Le temperature possono variare molto rapidamente ed è sempre opportuno essere pronti a qualsiasi evenienza per non rischiare di patire il freddo o di bagnarsi.

salus-blog-sport-in-montagna-pressione-arteriosa-e-altitudine
  • Valutare l’intensità sportiva in relazione alle condizioni di salute e all’altitudine: una attività molto intensa fa innalzare la pressione. Se viene svolta in quota, l’innalzamento è ancora più consistente e può provocare disturbi, in particolare a chi soffre di ipertensione.

  • Scegliere una alimentazione adeguata e non troppo grassa: spesso in montagna si è tentati dai cibi tipici, ricchi di grassi, come burro o formaggi, e dagli alcolici. Chi soffre di ipertensione dovrebbe mantenere una alimentazione leggera e con il giusto apporto calorico in proporzione all’attività che si intende svolgerla.

  • Combattere il mal di montagna con spuntini leggeri: chi soffre di mal di montagna potrebbe faticare a mangiare e rischiare di non avere sufficiente apporto calorico. Meglio, in questi casi, scegliere pasti frequenti e non troppo grassi.

  • Bere a sufficienza: anche quando non fa caldo, il corpo richiede la corretta idratazione, soprattutto se si fa sport. L’ideale è portarsi con sé una borraccia di acqua fresca e bere senza attendere di sentire la sete.

  • Non dimenticare i farmaci: se si soffre di ipertensione o di altre patologie è importante avere a portata di mano i farmaci prescritti dal medico. Va inoltre tenuto conto che oltre una certa quota possono perdere di efficacia.

  • Tenere sotto controllo la pressione arteriosa: oggi sono disponibili misuratori della pressione arteriosa particolarmente precisi che possono essere portati con sé e usati in qualsiasi situazione per garantire le registrazioni quotidiane ed eventualmente inviarle al medico di fiducia.

  • Portare con sé documenti e informazioni relative alla propria patologia e alle medicine che si assumono abitualmente o ad eventuali allergie.

  • Tenere sempre a portata di mano un kit di sopravvivenza: si tratta di una buona idea anche per chi non soffre di patologie particolari. Può essere inserito un kit di primo soccorso, i farmaci che si assumono abitualmente e quelli da assumere in caso di emergenza, bende e termometro. Chi soffre di pressione alta può includere un misuratore della pressione. Inoltre, è consigliato avere un coltellino multiuso, bussola, torcia, crema protettiva, un piccolo asciugamano.



Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email