Seguici su:
salus-blog-struccante-makeup-come-proteggere-pelle
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Struccanti make-up: come proteggere la pelle

Struccarsi correttamente è fondamentale per avere una pelle sempre pulita e per evitare spiacevoli inestetismi.

Rimuovere i resti del make-up con lo struccante permette di far respirare la pelle e la rende morbida e protetta per affrontare nel migliore dei modi i trattamenti successivi.

Proteggere la pelle è fondamentale anche per evitare irritazioni, tuttavia va scelto il prodotto più corretto per la propria pelle: dermatiti, allergie e arrossamenti sono le conseguenze che si possono verificare quando si usano prodotti aggressivi e contenenti sostanze non così benefiche come vengono descritte.

Rimuovere il make-up: quali prodotti scegliere?

La rimozione del make-up è uno degli step fondamentali della routine quotidiana di pulizia del viso. Durante la skincare quotidiana tutte le impurità che possono aggredire la pelle vanno accuratamente rimosse: si tratta, certo, dei resti del trucco ma anche di polveri presenti nell’ambiente a causa dell’inquinamento e impurità presenti nell’ambiente. Se non vengono rimosse, queste particelle a lungo andare possono ostruire i pori, provocando inestetismi, secchezza, formazione di acne, etc.

Una pelle bella e liscia, indipendentemente dall’età, richiede una buona cura: anche le più giovani dovrebbero avere le giuste attenzioni fin da subito, per mantenere la pelle giovane più a lungo possibile.

La scelta dei prodotti per la pulizia del viso è fondamentale per mantenere la pelle fresca e per offrire i nutrienti giusti ad arricchirla, in modo da combattere le aggressioni degli agenti esterni.

Tuttavia, gli stessi prodotti per rimozione del make-up potrebbero avere una composizione troppo aggressiva che rimuove, sì, i resti del trucco ma, allo stesso tempo, potrebbe danneggiare la pelle.

Conoscere i prodotti e sapere per che tipo di pelle sono più adatti è il promo passo per tutelare il benessere della propria pelle.

Chi ha la pelle secca necessità di idratare la pelle, oltre che detergerla, mentre chi ce l’ha tendenzialmente più grassa di nutrirla nel modo corretto.

salus-blog-struccante-makeup-come-proteggere-pelle

Latte detergente: lo struccante più classico

Il latte detergente è senza dubbio il tipo di struccante più classico: un tempo, infatti, era praticamente l’unico prodotto per eliminare i resti del make-up, al quale veniva spesso associato il tonico.

Si tratta di uno struccante dalla consistenza fluida che viene chiamato latte proprio per la sua texture morbida e avvolgente. Può essere usato sia per la rimozione del trucco del viso, sia degli occhi. In linea di massima è più adatto per pelli secche o normali, tuttavia è consigliabile scegliere un prodotto naturale senza sostanze chimiche aggressive, soprattutto se si ha la pelle sensibile.

Prima di acquistarlo è opportuno leggere bene le etichette per capire esattamente cosa si sta comprando.

Acqua micellare: la cura della pelle al top

L’acqua micellare è un prodotto molto più recente e si sta affermando sul mercato grazie alla sua efficacia e al suo potere nutriente.

Si tratta di un prodotto liquido, con una texture molto simile all’acqua, composta da micelle: sono delle molecole di tensioattivi che inglobano i residui del make-up e lo rimuovono con il solo passaggio. I vantaggi maggiori di questo prodotto sono la rapidità con cui agisce e l’ottimo risultato. Inoltre, è un prodotto ipoallergenico e può essere utilizzato con tutti i tipi di pelle.

Per chi ha la pelle grassa è senza dubbio una delle soluzioni migliori, proprio per la sua efficacia e per il suo potere nutriente.

|Sponsorizzato

Burro struccante solido: morbido e delicato

Un altro prodotto di recente diffusione è il burro struccante: si tratta di un prodotto che agisce sulla base della detersione per affinità. Si basa pertanto sul principio per cui le sostanze oleose presenti sulla pelle, e che costituiscono le impurità, si combinano con quelle del prodotto detergente e, rimuovendo il detergente, se ne vanno senza seccare né indebolire lo strato protettivo della pelle.

Per questo motivo è un prodotto particolarmente indicato per pelli secche e delicate. Può essere applicato sia sulla pelle asciutta sia sulla pelle bagnata: nel caso in cui venga utilizzato con la pelle asciutta, va steso massaggiando la pelle con le dita, offrendo un massaggio che contribuisce a riattivare la microcircolazione linfatica della pelle.

Nel caso, invece, lo si usi sulla pelle bagnata, si trasforma in una specie di latte detergente.

salus-blog-struccante-makeup-come-proteggere-pelle

Salviette struccanti: da usare con moderazione

Le salviette struccanti sono delle garzette inumidite e confezionate singolarmente che si usano per rimuovere il trucco in modo pratico e veloce.

Sebbene siano molto comode, non sempre la loro azione è così efficace e andrebbero usate solo in caso di reale necessità, come quando si è in viaggio. Molte persone si chiedono se le salviette struccanti fanno male. In realtà, nella maggior parte dei casi, la loro composizione comprende sostanze aggressive: per poter rimuovere il trucco spesso vengono aggiunti prodotti chimici, che non solo non nutrono la pelle ma che, nei casi di pelle sensibile, la irritano.

Prima di acquistarle è sempre opportuno leggere le etichette, per valutare la loro reale composizione.

Guanto struccante: pratico, efficace ed ecologico

Il guanto struccante è un altro prodotto di uso recente. A differenza dagli altri struccanti finora citati, è un prodotto che agisce per rimozione meccanica e non richiede l’aggiunta di alcun prodotto cosmetico.

Ma i vantaggi del guanto struccante non si limitano a questo: grazie alle sue ridotte dimensioni, può essere portato con sé ovunque, sia quando si è in viaggio sia in ufficio o in palestra. Poiché elimina completamente ogni residuo di make-up, protegge la pelle senza i rischi di detergenti più aggressivi.

Poiché si può riutilizzare numerose volte, riduce il rischio di inquinamento che le confezioni dei detergenti possono provocare.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email