Seguici su:

Salus Blog Polimask progetto lombardia e politecnico di Milano per mascherine anti covid 19
SALUS BLOG
SALUS BLOG

Polimask: il maxi progetto tra Lombardia e Politecnico di Milano per mascherine anti covid-19

Il progetto Polimask, voluto dalla Regione Lombardia in collaborazione con il Politecnico di Milano, ha dato un importante impulso alla produzione di dispositivi di protezione, come mascherine, camici protettivi, occhiali, etc.

Nel mese di marzo 2020, durante la pandemia da coronavirus, la carenza di dispositivi medici di protezione ha spinto la Regione Lombardia a trovare una soluzione in tempi rapidi.

Assieme al Politecnico di Milano ne è nato un ambizioso progetto che ha dato vita alla creazione di una filiera produttiva proprio per rispondere in maniera concreta ed immediata all’emergenza che ha visto la Lombardia una delle regioni più colpite dall’emergenza.

Che cos’è il progetto Polimask

Polimask è il nome di questo progetto: la regione Lombardia ed il Politecnico di Milano si sono impegnati a creare una filiera produttiva di mascherine chirurgiche, di tipo FFP2 ed FFP3, per l’utilizzo in ambito sanitario. Inoltre, il progetto ha riguardato anche la creazione di camici di protezione, occhiali ed altri dispositivi di protezione utili per fronteggiare la diffusione del Coronavirus.

L’assessore all’ambiente ed al clima Raffaele Cattaneo, che ha coordinato l’intero lavoro per conto della regione, spiega le origini di questo ambizioso progetto affermando che sono state numerosissime le imprese che hanno dato risposta affermativa all’appello della Regione. Pertanto, è stato possibile avviare una serie di test, in collaborazione con il Politecnico di Milano. Si tratta di test finalizzati a valutare quali fossero i materiali più adatti e quali produttori fossero effettivamente in grado di produrle.

Il progetto Polimask ha coinvolto anche il Terzo Settore ed in breve tempo ha avviato una vera e propria filiera della solidarietà, tanto che l’assessore Cattaneo ha affermato che l’intenzione è di produrre quasi due milioni di mascherine.

Ciò sarà possibile grazie alla disponibilità di un gruppo di associazioni di volontariato, che ha dato la propria disponibilità a produrre le mascherine con il materiale idoneo, seguendo le indicazioni dal Politecnico. Ma non solo: una serie di produttori di questo materiale si sono, infatti, resi disponibili a fare una prima fornitura gratuita a queste associazioni.

Cosa prevede la seconda fase del progetto Polimask?

Secondo quanto riportato dall’assessore, si auspica il sostegno economico anche da parte della Regione Lombardia, in modo che il lavoro di volontariato possa avvenire con costi sostenibili. Infatti, dietro al progetto Polimask ci sono fondazioni, associazioni e cooperative che si sono rese disponibili non solo per la produzione delle mascherine, ma anche di altri dispositivi sanitari come camici e occhiali.

Infine, l’assessore Cattaneo ha ringraziato le imprese produttrici che hanno fornito gratuitamente il materiale e ha lanciato la campagna di solidarietà “Un milione di mascherine per imparare a proteggerci”, che ha come obiettivo la distribuzione gratuita o a prezzi calmierati delle mascherine. Nell’ambito della campagna, sarà predisposta anche una parte formativa con la finalità di formare sul corretto uso delle mascherine e per la conoscenza dei materiali idonei.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email